Senza categoria

Stranger things-edizioni estemporanee

Edizioni Estemporanee, casa editrice specializzata nella pubblicazione di saggi a tema serie tv, ha da poco pubblicato un volumetto dal titolo “Stranger things-Ricordi dal sottosopra” dedicato allo show campione di incassi di Netflix, approdato sugli schermi appena un paio di anni fa e già diventato un vero e proprio prodotto cult.

Cover
“Stranger things-Ricordi dal sottosopra”, Edizioni Estemporanee

Il libro, scritto da Simona Arizia, Valerio Di Paola e Giada Fioravanti ci racconta i segreti delle prime due stagioni della serie ideata da Matt e Ross Duffer.

Il saggio è diviso in capitoli, che affrontano diversi argomenti:

 “Non si esce vivi dagli anni Ottanta” è un’interessantissima disamina dei più significativi rimandi, cinematografici e letterari, percepibili dietro le scene e i personaggi della serie. Naturalmente, i riferimenti più rilevanti sono Steven Spielberg e l’indiscusso Re del brivido, Stephen King. 
 In “Chi ha paura del Demogorgon” gli autori indagano su quale sia il genere in cui è possibile inserire Stranger things (no, la risposta non è affatto scontata) e ragionano sul suo impianto narrativo.
 In “Qualcuno da portare al ballo” ci si sofferma sull’importanza del cast per la riuscita di una serie tv per poi passare ad analizzare nel dettaglio le caratteristiche di ciascuno dei personaggi di punta dello show, sottolineando i punti di forza che li hanno resi indimenticabili. Un posto di rilievo occupa, naturalmente, Eleven, straordinaria bambina dotata di poteri paranormali magistralmente interpretata dalla giovanissima Millie Bobby Brown.
 “Giustizia per Barb” prende spunto dalla frase (con relativo hashtag) che ha preso massicciamente piede online dopo la fine della prima stagione regalando una “seconda vita” a un personaggio in fondo del tutto marginale all’interno della serie. Gli autori, partendo da questo input, mettono in luce i cambiamenti intervenuti negli ultimi anni nella fruizione dei prodotti televisivi. Il successo di uno show si decide sempre di più sul web, dove gli utenti commentano, condividono e addirittura creano nuovi prodotti multimediali (meme, video) con l’intento di sostenere determinati personaggi, dare corpo a teorie sugli sviluppi della trama e così via. Uno dei rischi di questa “transmedializzazione” è quello di veder sfumare i confini tra realtà e fantasia, identificando a tal punto il personaggio con l’attore che lo interpreta da non riuscire più a scindere le due cose. Un esempio di questo “problema” è l’enorme successo che ha travolto, e rischia di ingabbiare nei panni del suo personaggio, la tredicenne Millie Bobby Brown: i suoi 17 milioni di fan su Instagram sono davvero interessati alla sua vita o sperano di cogliere un riflesso del bagliore emanato da Eleven?

“Stranger things-Ricordi dal sottosopra è un saggio dettagliato e curato nei minimi dettagli, che può essere apprezzato tanto da chi abbia amato la serie alla follia, quanto da chi voglia documentarsi su uno dei fenomeni cult più “esplosivi” degli ultimi anni. Naturalmente, per sua natura il testo è pieno di spoiler, quindi ne raccomando la lettura solo a chi abbia già visto la serie, o sia interessato ad essa unicamente come fenomeno di costume e quindi non tema di scoprire qualcosa di troppo. Io, che ho amato la prima stagione e avrei voluto qualcosa di più dalla seconda, ho trovato la lettura di questo volumetto estremamente piacevole e ho apprezzato soprattutto la parte dedicata agli anni Ottanta, che mi ha aiutata a dare un nome e una connotazione precisa aquegli “echi”, soprattutto spielberghiani e kingiani, che avevo percepito sottotraccia e ai quali ho potuto dare un nome. Consigliatissimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...